La normativa vigente non consente la vendita di farmaci da banco a mezzo di distributori automatici, e questo vale anche se il distributore in questione è collegato attraverso una app al sito internet di una farmacia autorizzata alla vendita on-line.

Lo ha chiarito il Ministero della Salute (nota 0013507-P dell’11/3/2019) a seguito di una segnalazione di Federfarma del 20 febbraio 2019. Anche la Federazione degli Ordini dei Farmacisti aveva inviato una specifica segnalazione al Comando dei Carabinieri dei NAS per la verifica delle condizioni di realizzazione di questo tipo di iniziative.
Per il Ministero, l’attività in questione non è configurabile come vendita on line di medicinali, quanto piuttosto come vendita al pubblico per mezzo di distributore automatico. La nota chiarisce che i farmaci posti in vendita “non sono fisicamente nel magazzino della farmacia o nella farmacia medesima, ma si trovano in un distributore precaricato esterno alla stessa, che non può ritenersi in nessun modo sede della farmacia”.
Inoltre, l’acquisto avviene con una procedura automatizzata che “non può essere considerata equivalente rispetto a quella prevista per la vendita on line, in cui il ruolo del farmacista nella dispensazione del farmaco rimane predominate a tutela della salute”.

Ordini provinciali

Brescia

Via Grandi 18 - 25125 Brescia

TEL 030.2681780

 

Como

Viale Masia 79 - 22100 Como

TEL 031.5476590

 

Lecco

Via Previati 2 - 23900 Lecco

TEL 0341.364557

 

Milano, Lodi, Monza Brianza

Viale Piceno 18 - 20129 Milano

TEL 02.70102396

 
Realizzazione tecnica e grafica a cura di SpoonDesign